Come dare vita ad un Podcast

come dare vita ad un podcast

Negli ultimi anni i podcast sono diventati parte integrante della nostra vita. Sono versatili, comodi, una fonte infinita di informazioni che puoi ascoltare in ogni momento: mentre sei in auto, mentre aspetti l’autobus, mentre stiri…ecc.

Ti è mai capitato di pensare: mi piacerebbe dare vita ad un mio podcast?

Bene, oggi WoMam ha il piacere di ospitare due donne super intraprendenti che un loro podcast lo hanno creato davvero. Loro sono Luciana (Lu) ed Emanuela (Manu) di @sos_mamma_il_podcast

Benvenuta Luciana, Benvenuta Manu! Ora vi chiedo di presentarvi per farvi conoscere dalle donne della community che ancora non vi seguono

Lu: Ciao a tutte e grazie mille Cecilia per averci qui! Io sono Lu (Luciana). Sono nata in Argentina ma a 9 anni con la mia famiglia ci siamo trasferiti in Italia. Mio padre e’ italiano e io sono cresciuta in provincia di Milano.  10 anni fa decisi di partire per l’Australia per ritrovare me stessa e lì conobbi il mio attuale compagno (e futuro marito) irlandese. Insieme abbiamo 2 bimbi meravigliosi di 5 e 2 anni e viviamo in Irlanda. 

La maternità non è iniziata come me l’aspettavo infatti ho fatto molta fatica all’inizio. Mi ero accorta che c’erano tanti tabù e tante cose non venivano raccontate con onestà. Così, un paio di anni fa, decisi di aprire la mia pagina Instagram Mamy’s life per raccontare la mia storia di “mamma imperfetta” e rendere più “normali” quegli aspetti (che sembrano) meno piacevoli della maternità. 

Manu: Ciao a tutte! Grazie mille Cecilia per averci invitate! Io sono Emanuela, sono nata in Calabria però ormai da 8 anni vivo in Francia. 

Sono partita così con una valigia per fare la stagione estiva nel turismo e, invece, poi sono rimasta. E da li poi ho incontrato mio marito con cui ho avuto la mia bambina e la maternità mi ha sconvolta. Anche perché ho partorito in pieno covid e pieno lockdonw quindi ero lontana dalla mia famiglia, lontana da tutti e mi sono sentita molto sola e soprattutto isolata. Mi sono detta che non volevo che nessuna altra donna si sentisse così quindi mi sono messa nel mondo dei Social a parlare di maternità senza tabù per fare in modo che nessun’altra donna si sentisse cosi.

Come vi è venuta l’idea di fare un podcast? E come mai avete scelto di rivolgervi alle mamme?

Lu: Da un paio di anni, ormai, ascolto continuamente podcast e li adoro. Così ho pensato che un giorno avrei voluto averne uno mio. Poi, parlandone con Manu, abbiamo visto che avevamo lo stesso desiderio di creare un podcast sulla maternità. Ne abbiamo parlato per un bel po finché un giorno abbiamo detto: ok ora si fa sul serio. Iniziamo! È così è stato. 

Manu: l’idea del podcast mi è venuta conoscendo Luciana nelle pagine Instagram sulle mamme e sulla maternità. Anche se siamo molto diverse è stato, diciamo, un colpo di fulmine! Parlando di vari progetti che avevamo abbiamo visto che avevamo questo progetto del podcast in comune. Sembrava veramente una bella idea! Noi lo chiamiamo il nostro “bambino” e ne siamo molto fiere! E’ un modo per comunicare e divulgare ancora di più soprattutto per noi mamme che non abbiamo mai tempo, metti le cuffie e tra un pannolino e gli altri ci puoi ascoltare!

Avete creato questo progetto insieme e tutte le settimane invitate diverse professioniste all’interno dei vostri podcast. Vi piace collaborare tra donne? Quanto è importante questo aspetto per voi?

Lu: Assolutamente si! È bello collaborare con altre donne. Si può solo imparare. Spesso si pensa che le donne siano in competizione tra di loro, e a volte è così. Però a noi piace supportare quelle donne, che come noi, stanno portando avanti un progetto importante o che stanno facendo qualcosa di concreto per supportare altre donne. Dare spazio alle donne per contribuire in qualche modo a cambiare un po’ l’idea del ruolo della donna in questa società è fondamentale. 

Manu: Si, noi ne siamo assolutamente fiere che abbiamo fatto questo progetto insieme! Per noi è anche un esempio di solidarietà femminile che a volte viene a mancare e tra le mamme ancora di più tipo il mio bambino fa prima una cosa… o i chili di troppo che hai preso ecc. Invece noi vogliamo sfatare questa idea di “rivalità”.

Oltre al podcast e alla vita da mamma, fate entrambe anche un altro lavoro. Come fate a conciliare tutto? Quale è la sfida quotidiana più grande?

Lu: Non riesco proprio a conciliare tutto! Per me la priorità sono i miei figli e poi il resto. Però cerco di non dimenticarmi di trovare de tempo per me stessa. La mia sfida più grande è riuscire a dare a tutto il giusto peso e la giusta attenzione. Purtroppo qualcosa si deve sacrificare a volte perché nella vita ci sono sempre degli imprevisti. Però ho anche la fortuna di avere un compagno che mi supporta al 100%.  Noi abbiamo qui la sua famiglia ma non ci aiutano sempre. Quindi dobbiamo cavarcela principalmente da soli. Ma siamo felici così! 

Manu: Questo è un tasto dolente! È facile sentirsi caricate mentalmente ed esauste fisicamente, non ho veramente un segreto se non il fatto che è importante seguire le proprie passioni e il podcast ne rappresenta una quindi bisogna coltivarla anche per sentirsi più realizzate e complete come donne e mamme altrimenti si creano delle frustrazioni interiori che ci fanno stare peggio.

Cosa volete suggerire a chi vuole partire con un podcast o cmq con un progetto alternativo?

Lu: Di partire. Di non aspettare di essere pronte al 100% perché non lo si è mai. Non sarà perfetto all’inizio ma con pratica e costanza si migliora e si impara strada facendo. E di godersi il viaggio. Noi ci divertiamo un mondo a registrare. 

Manu: Di lanciarsi e godersi l’avventura e smetterla di procrastinare!

Grazie per questa interessante intervista! Lasciateci ora tutti i vostri recapiti per potervi ritrovare in ogni momento:

La pagina Instagram del nostro podcast è questa e potete ascoltare il podcast nelle diverse piattaforme come Spotify o IPodcast. Altrimenti, direttamente nella nostra pagina ufficiale.

Qui invece trovate la pagina Instagram di Luciana @Mamy’s_life.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.