Quanto si Guadagna Perdendo il Lavoro

Lo so hai letto il titolo e hai storto il naso, hai pensato ad un errore di battitura…e invece no, è esattamente questa la frase che volevo scrivere: “Quanto si guadagna perdendo il lavoro”.

Ovviamente il titolo è provocatorio ma l’articolo vuole essere una sorta di tiramisù per tutte quelle persone che ahimè hanno perso il lavoro o che meditano di dimettersi per iniziare a lavorare in modo indipendente.

Nel momento in cui si lascia il posto fisso, i pensieri che frullano per la testa sono gli stessi per tutti:

Oddio non arriveremo a fine mese. Oddio non riusciremo a mangiare!

Il panico è giustificato ma non porta a nulla. Come uscire quindi da questa fase di angoscia? Facciamo due calcoli…dei brutalissimi calcoli.

Forse non ci hai mai pensato ma indirettamente, si “spendono soldi” per andare al lavoro. In che modo? Vediamolo insieme

Macchina e Mezzi Pubblici

A meno che tu non abiti nelle immediate vicinanze della tua azienda, dovrai sostenere una spesa per recarti al lavoro. Magari prendi l’auto pagando benzina, pedaggio e parcheggio; oppure i mezzi comprando l’abbonamento per l’autobus o il treno.

Lavorando da casa il costo non viene azzerato, ma sicuramente molto ridotto!

Vestiti

Chi lavora in ufficio lo sa, gli abiti formali costano (e non poco)! Diventando il capo di te stessa potrai sicuramente risparmiare su questa voce di spesa.

Baby sitter o Colf

Chi lavora full-time ha spesso bisogno di un aiuto, coi bambini o con la casa. Pagare il posticipo all’asilo, una baby sitter o una persona che ci stira le camicie è una bella spesa che può essere drasticamente tagliata nel momento in cui ci si inventa un lavoro indipendente.

Pausa Pranzo o Pausa Caffè

Lavorando in ufficio, spesso ci si trova costretti a pranzare in mensa o in qualche bar. Chi è fortunato può portarsi il cibo da casa, ma non sempre è permesso e anche i buoni pasto (ticket) spesso non coprono il costo dell’intero pranzo.

lunch box, contenitore per alimenti – acquistalo su amazon.it

Lavorando da casa, avrai il tempo per cucinare per te stessa e, perchè no, anche di preparare pranzi da asporto e merende per gli altri componenti della famiglia. Capisci che questo si che è un bel risparmio e poi, tralasciando l’aspetto economico, hai idea di quanto si mangia meglio in questo modo?

Medicine e/o Terapie

Mi aggancio al discorso della salute introducendo questo punto. Ti dico solo: ritmi meno frenetici, meno stress, meno dottori, meno medicine, meno mal di testa, meno colite…ecc

Ti lascio un Compito

Calcola l’importo relativo ad ogni voce di spesa e appuntalo su un foglio (ehi ho detto calcola, non butta un numero a caso) . Parti dal tuo stipendio netto e sottrai le spese relative a tutte le voci.

Quanto rimane? Ecco questa è la differenza tra quello che ti resta ora, lavorando come una pazza e quello che avresti non lavorando.

Sei sicura che un lavoretto indipendente non riesca a coprire questo divario?

Agenda dei conti di casa (per controllare le spese) – acquistala su amazon.it

Per Concludere

Non ti sto dicendo che ti devi dimettere all’istante o che devi fare i salti di gioia per essere stata licenziata. Ti sto invitando ad analizzare la situazione in modo oggettivo. Abbattersi e piangersi addosso non porta a nulla. Lavorare su se stessi e reinventarsi è un’ottima terapia. Se ti mancano le idee ti lascio qualche link

Rendersi Indipendenti – 4 Esempi Pratici

Offrire un Servizio – Alcune Idee alla Portata di Tutti – Elenco

Aiuto Sono Senza Lavoro – Soluzioni a Guadagno Immediato

Lavorare on-line – Ma Come Funziona? – vedi tutti gli articoli della sezione qui

E se hai bisogno di un parere, iscriviti alla community e raccontami la tua storia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest